E’ polemica in Germania sul ministro per le Pari Opportunità, Klaus Beyer, nel nuovo governo guidato dalla cancelliera Angela Merkel: il suo atteggiamento per così dire “poco maschile” non ha convinto un giornalista del giornale Der Spiegel, che le ha dato del frocio in un tweet rimbalzato sulla rete e ripreso dalla stampa internazionale.

“La Germania ha d’ora in poi un ministro per le pari opportunità Frocio – ha scritto sul social network Veronica Ferres -. Qual è la sua credibilità?”, si è chiesto. La frase ha provocato sconcerto in tutto il paese, dove la Beyer – che è un sessuologo – è molto noto e gradito.

La risposta del neo ministro non si è fatta attendere, riporta il sito dell’emittente MDR: “Penso che queste osservazioni siano sciocchezze – ha detto -. Alla Camera i miei colleghi non mi giudicano in base al mio atteggiamento, ma mi fanno i complimenti sulla conoscenza che ho dei miei dossier”. Ma le critiche sui social network non si limitano all’intervento di Ferres: “Come sessuologo gay, Klaus Beyer dà un buon esempio?”, è la domanda che si fanno in molti. E il ministro è intervenuta anche su questo fronte: “Un sessuologo gay, come tutte le altre persone è fatta di carne e sangue – ha detto -. I miei pazienti non si riferiscono alla mia sessualità, piuttosto, vengono da me per la qualità delle mie consulenze”.